domenica 25 agosto 2013

UN POEMA ELETTRICO DEL SETTECENTO

Commento musicale Benjamin Franklin(1706-1790)  Quartet for strings with continuo (glass harmonica)

Donato Creti (1671-1749), Donna e cometa

Devo essere ancora nel teatro degli automi di Jaquet-Droz al Musée d’Art et d’Histoire o al Fantastic Film Festival di Neuchâtel quando passo da un lago all’altro e attracco ad Arona per trovare su una bancarella Il globo di Venere  di Antonio Conti (1677-1749).


Illustrazione da Le Philosophe sans prétention di Louis-Guillaume de Lafolie, 1775

Un poema. Un segno, perché no? Fantascienza DOC: il viaggio astrale di un abate cosmopolita, dalla natia Padova a Parigi, da Londra ad Hannover passando per l’Olanda, fino al pianeta Venere, oggetto dei suoi versi. Impresa agevolata dal fatto che il poeta era anche filosofo (traduttore di Voltaire) e scienziato di prestigio tale da diventare una specie di arbitro nella disputa sul calcolo infinitesimale fra Newton e Leibniz, suoi corrispondenti.
Precursore del Neoclassicismo - quindi più caro a Foscolo che alla contemporanea Arcadia - nei suoi limpidi endecasillabi sciolti figli degli esperimenti del Trissino e di Torquato Tasso, si avventura nel “cielo profondo” virgiliano in compagnia della Storia vera di Luciano, de L’altro mondo di Cyrano de Bergerac (quello vero non la maschera di Rostand) e della cortese sollecitazione dell’amica Madame de Caylus.
Forse è proprio quest’ultima a vestire i panni di Eubulìa, donna guida nell’opera a metà strada fra la Beatrice di Dante e un concetto greco preso pari pari dall’Etica Nicomachea di Aristotele  (traduzione letterale: “buon consiglio”). E’ grazie a lei che approdiamo in un pianeta che è tutt’altro che la sorella infernale della Terra dove la sonda Venera 13 riuscì a resistere solo 127 minuti, ma una sfera  luminosa e calda ricca di palazzi, statue e templi: su tutti quello dedicato alla nobile Antonietta Anguissola, moglie appena scomparsa del dedicatario Paolo Carrara.
In realtà, il fisico preilluminista ci ha tratto in un luogo dell’anima, la Venere Celeste cara a Platone e Petrarca dove Bellezza e Armonia (“ed amar la virtude, amar il bello/ natura è in noi”) scaturiscono dalla simbiosi fra Ragione e Immaginazione (“le parole alate/ del dolce mele che non sazia il senso”) e si materializzano in un défilé internazionale di bellezze femminili guidate da Laura e Beatrice: “Agili ninfe in breve gonna e cinte/ di corone di rose i biondi crini/ le seguiano tessendo allegri balli;/ indi sacerdotesse in bianca veste/ con incensieri, con vessilli e faci;/ultimamente due reine o dive,/ che dive mi sembraro agli atti, al volto,/ al serto d’oro, allo stellato manto,/ da’ due fanciulli che le stanno a lato/ sfavillanti di luci, e con occhiute/ piume sul dorso e colorite ad Iri”.
Il fatto che questa fantasmagoria presenti all’orizzonte montagne la cui cima è “ingombra/ di metalliche piante” per qualche istante mi fa tornare alla mente il paesaggio da incubo descritto da Stanislav Lem ne L'Invincible, dove microautomi dominano il pianeta Regis III. Tuttavia il cristallino corpo celeste cartesiano del poeta, che pure presenta un intero regno animale costituito da automi, è decisamente più pacifico, stile lupo e agnello biblici.  Dal motore niente affatto aristotelico, l’elettricità: “Veniano a volo aquile e colombe,/ e sui fiori scherzavano e su l’erbe/ cervi, leoni ed agnelletti e tigri./ Tali appariano a la sembianza esterna,/ ma pe’ nervi metallici vagava/ elettrico vapor, elastic’aura/ che trasfondea quasi energia di vita”. Sembra il destino dell’Occidente, già intravisto dal Lokapannatti, trattato cosmologico birmano di origine indiana in cui l’eco remota della razionalizzazione agricola dell’impero romano faceva immaginare un’economia gestita da “macchine veicoli di spiriti”.
Già, l’elettricità, la stessa che oggi mi permette di scrivere comodamente su questo computer. E il destino della rivoluzione scientifica e industriale aveva già condotto a una gita di piacere sul Verbano proprio l’inventore della pila, Alessandro Volta. Faccio ritorno dall’Anno Domini 2013 al 1776. Vacanza presto risolta nella minuziosa perlustrazione dei canneti delle sponde e dell’Isolino Partegora di fronte al municipio di Angera, rimuovendo una bella quantità di fanghiglia, provocando tutta una serie di bollicine, facendo scaturire a colpi di acciarino tante piccole lingue di fuoco sulle rive. Scoprendo insomma la natura organica del metano, definito dal grande scienziato "aria infiammabile nativa delle paludi".
Proprio così, il metano, le stesse lingue blu che uscendo dai fornelli della cucina permettono a noi scrittori di avere qualche ora in più da dedicare all’arte. Ma quanto deve l'arte alla tecnologia (quando insegnavo mettevo sempre le Lettere di Volta nel programma di Italiano)! E magari aveva portato in barca proprio il libro del Conti. Dopotutto il collegamento che fa tra caduta delle comete e “diluvi” (e qui rimando alla lettura del capolavoro di Paolo Rossi, I segni del tempo) si è ormai dimostrato scientificamente valido: l’acqua dei nostri oceani (e quindi anche il mio lago) sembra proprio avere origine da .

“Le immagini riflesse/ incontrano le dense e terse nubi”. E Angera.

Luca Traini, Il cigno e l'Isolino Partegora

“Il sogno mi disparve: io mi destai”. Approdo e ultimo verso del poema.


lunedì 19 agosto 2013

MEET ME IN ST. LOUIS: GATEWAY ARCH

Viaggio nella memoria a 360°


Volevo scrivere di questo arco teso senza spasimo da Eero Saarinen e Hannskarl Bandel perché fu completato quando ero ancora in gestazione (28 ottobre 1965) e può sembrare una grande pancia.

A lungo l’ho tenuto come salvaschermo e ora che sento giunto il momento di cambiare lo salgo per l’ultima volta tenendomi stretto al verso di Michelangelo tradotto da Emerson – “The power of a beautiful face lifts me to heaven” - che si perde fra le nuvole di Windows.

I 2 metri e 41 saltati da Bondarenko ai Mondiali di Mosca mi fanno planare dalla cima alle Olimpiadi del 1904, quando proprio a Saint Louis uno dei miei miti di giovane atleta, Ray Ewry, saltò, da fermo, più di 1 e 60 come sospinto dall’ultimo sciame sismico del terremoto di un secolo prima. Continuando il suo volo sullo Spirit of Saint Louis fino a Parigi. Atterrando nella Biblioteca di Etienne-Louis Boullée, nella stessa grandiosa umanità che ha ispirato il Gateway Arch.



Uno smisurato sfarfallio di pagine riattraversa l’oceano trasformandosi in musica, fino alle Ameriques di Edgard Varèse, giusto commento musicale con cui approdare fra le ali del coleottero gigante sempre forgiato da Saarinen per l’aeroporto di New York: Terminal TWA.

sabato 3 agosto 2013

COLTIVANDO LA LUCE

TraRariTipi, Coltivando la luce, 2012 (c)

Ho fiducia nelle lampadine perché ho esperienza delle candele.
Guardo il sole dando le spalle all’ombra, perché tra cinque miliardi d’anni finirà. L’ombra, come il sole.
La tenebra un tempo solleticata dalla luce della candela tremava. Perché stupirsi che l’ombra sia sfuggita a Peter Schlemihl?
Fissata dall’invenzione di Swan e di Edison, resta immobile, disponibile a una stretta di mano come a una dissezione.
Ci sono amore, scienza, pigrizia e speranza in questo vaso di fiori pieno di lampadine bruciate. Quale posto nella differenziata per una luce omologata? Quale differenza col passato quando la luce, passato il tramonto, tremava.
In principio le donne vissero la luce elettrica come un trauma: il trucco adatto per singulti luminosi risultava troppo vistoso allo sguardo severo del tungsteno. Vittoria apparente del genere maschile, ma la visione al femminile avrebbe presto rinnovato il maquillage.
Poi c’è la luce dell’eterno che è un altro discorso, nella fede che sia uguale per i sessi senza essere standard.
Farò appello quindi a una nuova nettezza urbana per la mia coltura di luce.